Il quotidiano online del food retail
Aggiornato al
I 70 brand che formano Ubri sostengono l'utilizzo del Pos: più veloce, sicuro ed economico
I 70 brand che formano Ubri sostengono l'utilizzo del Pos: più veloce, sicuro ed economico
Information
News

Pos si o no? Ubri: "Pagamenti elettronici più sicuri e veloci"

Information
- Ubri Pos - Ubri - Unione brand ristorazione italiana - Pos pagamenti

Obbligo di utilizzo del Pos oppure no? Soglia 60 o 30 euro? O meglo nessuna soglia? La querelle attorno cui ruota la Legge di Bilancio che il Governo Meloni si appresta ad approvare nei prossimi giorni è stata risolta da Ubri - Unione dei brand della ristorazione italiana che sostiene "il pagamento elettronico per motivi innanzitutto economici: a fronte di un 1% di commissioni risparmiamo costi ben più alti" è la posizione dell'associazione espressa dal presidente Vincenzo Ferrieri.

Il parere sfavorevole di Bankitalia sul limite al pagamento tramite Pos.

Insomma, una posizione totalmente controcorrente rispetto alla narrazione degli ultimi giorni di cui la politica si è appropriata piegandola alle proprie esigenze. Un esempio? La relazione di Fabrizio Balassone, capo del servizio struttura economica del Dipartimento Economia e Statistica della Banca d'Italia, che ha analizzato la legge di bilancio evidenziando che "Le norme in materia di pagamenti in contante e l'introduzione di misure che riducono gli oneri tributari per i contribuenti non in regola (rottamazione delle cartelle, ndr) rischiano di entrare in contrasto con la spinta alla modernizzazione che anima il Pnrr e con l'esigenza di ridurre l'evasione fiscale". Più nello specifico, "con riferimento agli oneri legati alle transazioni effettuate mediante strumenti di pagamento elettronici è opportuno ricordare che anche il contante ha costi legati alla sicurezza (come quelli connessi con furti, trasporto valori, assicurazione, ndr). Nostre stime relative al 2016 indicano che, per gli esercenti, il costo del contante in percentuale dell'importo della transazione è superiore a quello delle carte di debito e credito", ha concluso il manager. Mettendo a confronto contanti e carte, la Banca d’Italia sottolinea come i costi privati di accettazione per l’esercente con i contanti siano di circa l’1%. La percentuale scende allo 0,65 nel caso di carte di credito o debito e allo 0,06% con i bonifici.

Ubri: con il Pos si velocizzano i pagamenti, si servono più persone e si aumenta il fatturato.

Oltre a questi rischi e costi legati al contante in sé, è la sua gestione a risultare gravosa per i ristoratori di Ubri. Pensiamo alla "persona che dovrebbe fermarsi, in ogni locale, per oltre un’ora dopo la chiusura, per il conteggio del contante, far quadrare la cassa, effettuare il versamento in Banca, il tutto in ore notturne notoriamente più costose, oltre a ciò è evidente il problema correlato di sicurezza e il tempo per la gestione della monete o banconote false", ha aggiunto Ferrieri. Di contro, l'utilizzo del Pos genera anche un effetto virtuoso fra pagamenti e accoglienza dal momento che "velocizzando i pagamenti, permette di servire un maggior numero di clienti e quindi un più alto fatturato. Da parte di un commerciante di buon senso e che sa fare i suoi conti ci pare quindi un falso problema quello del Pos. Altra cosa è per il gestore disonesto, che non fa scontrini, paga in modo scorretto i propri dipendenti o non li paga affatto per il lavoro straordinario di chiusura cassa", ha concluso Ferrieri a nome degli oltre 70 brand del food retail associati a Ubri.

ALTRI ARTICOLI

Il nuovo store travel retail di 12oz nella stazione di Milano Rogoredo

12oz conquista anche l'hub ferroviario di Milano Rogoredo

Continua lo sviluppo travel retail di 12oz, retail format specializzato nel servizio rapido di coffee&milk based drinks, concepiti principalmente per il consumo in movimento, che conquista un'altra stazione milanese. Dopo l'approdo alla Stazione Centrale, ora tocca all'hub ferroviario di Milano Rogoredo. Un'apertura che porta a 22 i punti vendita…
Marco Giapponese, ceo di Basara

Marco Giapponese (Basara): "Ora il sushi diventa phygital con Tatatu"

Location riconoscibili, prodotti di alta qualità Made in Japan e servizio phygital. Sono queste le caratteristiche di Basara, format di sushi restaurant che dal 2011 (data della prima apertura in via Tortona a Milano) ha messo in fila una decina di aperture fra ristoranti tradizionali, corner modulari e concept per un consumo più veloce ma sempre…
Il tartufo nero protagonista della partnership fra Appennino Food Group e De Santis

Il tartufo di Appennino Food Group nei panini De Santis

Il tartufo di Appennino Food Group Spa arriva anche nei sandwich di De Santis, il panino di Milan dal 1964. La partnership, presentata in occasione di Identità Milano 2023, rappresenta l'incontro tra due filosofie aziendali che hanno come denominatore comune quello di raggiungere elevati standard qualitativi attraverso la selezione e il rispetto…
In totale, sono oltre 4.500 i clienti di Longino & Cardenal in Italia

Longino & Cardenal, novità nel catalogo 2023: carne, caviale e brodi

All'arrembaggio del mercato con il grido "phygital", Longino & Cardenal ha presentato le ultime novità di portfolio in occasione dell'annuale convention che si è tenuta nella cornice di Identità Milano. L'obiettivo per il 2023 è quello di fondere insieme l'evoluzione digitale del foodservice e l'esperienza fisica, di gusto che aiuta a riannodare…
L

Il Bar di Obicà apre in via Mercato con una cocktail list d'autore

Dopo le aperture nelle food hall della Rinascente a Milano, Palermo e Cagliari, il format Il Bar del Gruppo Obicà Mozzarella Bar apre la sua quarta location - la prima fronte strada - proprio nel capoluogo lombardo. Più precisamente, in via Mercato 28, nel cuore di Brera, mixology e cucina con un twist internazionale danno sostanza a una…

ristorazionemoderna.it

- Copyright © 2023 Edizioni DM Srl - Via Andrea Costa, 2 - 20131 Milano | P. IVA 08954140961 - Tutti i diritti riservati | Credits