Il quotidiano online del food retail
Aggiornato a
Il report annuale di Glovo: healthy food in crescita del 38% a livello globale
Il report annuale di Glovo: healthy food in crescita del 38% a livello globale
Information
News

Glovo, un anno di delivery: food, spesa a domicilio e boom dei fiori

Information
- Glovo delivery - Glovo ordini - Glovo food delivery

Dall'ultimo rapporto Glovo Delivered 2022 emerge che i consumatori di tutto il mondo si affidano sempre di più al delivery. Non solo per il food, ma anche per altre piccole esigenze della giornata. Una traccia dei trend emergenti e delle consolidate abitudini che secondo Glovo stanno caratterizzando il delivery. Come il podio dei cibi più ordinati dai ristoranti partner: hamburger, pizza e poke. E quello del carrello della spesa: frutta e verdura, macelleria. 

Su Glovo, Italia protagonista: si ordina di sabato, soprattuto poke. 

Guardando gli ordini effettuati sulla piattaforma spagnola di delivery multi-categoria nel corso del 2022, a livello mondiale la cucina americana occupa il gradino più alto del podio, seguita subito dopo da quella italiana e da quella healthy, vera novità di quest’anno con una crescita del 38% rispetto all’anno passato. Gli italiani prediligono il sabato per ordinare la cena dai propri ristoranti preferiti, con il maggior picco di consumo che si registra tra le 19 e le 20. Tra i piatti, il poke ha sperimentato l’incremento maggiore con ordini che hanno superato il 60% rispetto al 2021. Altra curiosità, l’Italia è il primo Paese per consumo del poke, il 48% degli ordini di questo piatto a livello globale sono infatti eseguiti in Italia.

Spesa a domicilio per 2,5 milioni di utenti.

Oltre il food delivery, oltre due milioni e mezzo di utenti hanno effettuato ordini spesa direttamente sull’app di Glovo, permettendo una crescita del 76% a livello mondiale e del +177% in Italia. Questo grazie anche alla rete di oltre 115 magazzini urbani distribuiti nelle grandi città (di cui 15 solo in Italia). Frutta e verdura hanno registrato un’ottima performance (+287% di aumento degli ordini rispetto al 2021), rafforzando il messaggio di una cucina "sana" che prende sempre più piede. Altro reparto che ha incrementato in modo significativo le richieste è quello della macelleria (+78% rispetto al 2021).

L'approccio multi-categoria di Glovo funziona: boom dei fiori.

Ma la vera conferma arriva dall'approccio anima multi-categoria scelto da Glovo e sempre più apprezzato dai clienti. Come dimostra il caso dei fiori (+46% rispetto al 2021) che raggiungono il loro picco nelle ricorrenze (San Valentino, Festa della Mamma, Festa della Donna), grazie anche all’aumento dei luoghi da cui i clienti possono ordinarli (+206%). Rispetto al 2021, sono 1.200 in più i negozi da cui i clienti possono ordinare il secondo prodotto più venduto della categoria anything, i cosmetici, che hanno fatto registrare un aumento degli ordini del 410%, seguiti dalla categoria elettronica che incrementa sia gli ordini (+329%) sia i partner da cui i prodotti possono essere acquistati (+525).

Il trend degli ordini programmati.

Il 2022 ha evidenziato un nuovo trend, quello degli ordini programmati, che rispetto al 2021 incrementano del 161%, mettendo l’Italia in cima alla classifica dei Paesi in cui Glovo opera, con il 37% degli ordini programmati effettuati proprio nella nostra penisola. Crescono del 47% gli utenti che si affidano al servizio Prime di Glovo, l’abbonamento mensile che consente di eliminare i costi di consegna, confermando una fidelizzazione dei consumatori nei confronti della piattaforma.

Curiosità dal mondo del delivery Glovo.

Non poteva poi mancare il ranking degli ordini più strani. In Polonia un rider ha consegnato al cliente un orologio da polso con una microcamera nascosta; in Marocco, un bambino doveva assolutamente segnare il suo gol più importante e ha chiesto ai genitori di farsi arrivare una rete da calcio (misure 127x24x11cm); in Italia lo chef aveva lasciato a casa i vestiti e così ha ordinato una divisa da cuoco su Glovo. E per la serie, “chi bella vuole apparire, qualche follia deve concepire”, a Milano è stato fatto un ordine contenente prodotti per la pelle e i capelli dal valore di 1.137 euro.

ALTRI ARTICOLI

Pit'sa conta due locali: uno a Bergamo (via Alberto Pitentino 6) e Milano (via Cadore 31)

Pit'sa, il format vegetale e inclusivo che cambia volto alla pizzeria

Prima Bergamo, poi Milano. Nel mezzo la convinzione che il format food retail di Pit'sa potesse essere tanto inclusivo quanto sostenibile. Soprattutto dal punto di vista finanziario perché, a differenza di altri progetti simili, "noi siamo una srl, non una onlus: vogliamo essere considerati una vera e propria azienda della ristorazione", spiga…
Il nuovo store Starbucks alla stazione di Napoli Centrale

Starbucks, un altro caffè a Napoli: store alla Stazione Centrale

Il secondo store di Starbucks in città, il terzo in Campania, ha aperto le porte alla stazione di Napoli Centrale portando così a 43 i punti vendita in Italia. Il locale, realizzatato dal licenziatario unico Percassi in collaborazione con Grandi Stazioni Retail, società che gestisce lo sviluppo commerciale dei maggiori scali ferroviari nazionali,…
Una selezione dei piatti del menu Anniversary special di Obicà Mozzarella Bar

Anniversary special e menu estivo, da Obicà i sapori della Campania

Menu stagionale e Anniversary special caratterizzano l'estate di Obicà Mozzarella Bar, che nel 2024 festeggia i 20 anni di attività nel settore food retail. Nei 24 locali della rete, dislocati in Italia e all'estero, i clienti potranno assaporare l’autenticità e la genuinità dei migliori prodotti italiani (a partire dalla Mozzarella di Bufala Dop)…
Uno dei nuovi panini nati dalla collaborazione fra Chef Express e Gambero Rosso Academy

Sosta in autostrada da Chef Express con i panini firmati Gambero Rosso

La sosta nel canale autostradale ha un altro gusto grazie alla nuova linea di panini nati dalla collaborazione fra Chef Express e Gambero Rosso Academy. Ricette uniche, studiate in esclusiva per la società di ristorazione del Gruppo Cremonini e realizzate dopo un'attenta ricerca e selezione di materie prime che garantiscono un'offerta originale e…
Con i nuovi investimenti, Pinsami punta a produrre 220mila pinse al giorno nello stabilimento di Reggio Emilia

Pinsami, +45% di fatturato nel 2023 e nuovi investimenti produttivi

Il bilancio 2023 di Pinsami si chiude con un fatturato di 24,4 milioni di euro: +45% rispetto all'anno precedente, grazie all'export che è aumentato del +125%. L'azienda reggiana conferma così la sua corsa verso la leadership nella produzione di basi pinsa di alto livello in Italia e all'estero per il retail e l'Horeca tanto che le stime per il…
       
    Il sito EdizioniDMh50

Logo Ristorazione Moderna